giovedì 27 gennaio 2011

Pasta con sugo spinacioso

Piove e fa’ freddo
Ma stamattina devo dire che non mi dispiace
Non so’ il perché ma il mio paesello mi sembra avvolto da un clima 
D’altri tempi  , sarà la pioggia o la leggera foschia
Che  “annebbia “ e che  storce un po’ la visione reale
O forse sono io che oggi mi sento un po’ romantica
( o magari ho preso l’influenza  che ancora deve “sfociare”
e di conseguenza sono un  o’ rimbambita ahahahahahah)
Pochi giorni fa’ mi hanno regalato degli spinaci
Tanti spinaci e quindi beccatevi questa ricettina

Allora  oggi vi faccio “assaggiare “
Le eliche alla crema di spinaci
La consistenza vellutata della crema di spinaci
Conferisce al piatto un tocco speciale e poi
Piace anche ai piu’ piccoli almeno a casa mia
L’hanno mangiata figlia e nipoti
E hanno chiesto il bis  “Dunque se po’ fa’”
Come ingredienti ci occorrono per circa 4/5 persone
eliche  (le dosi non le metto  perché ognuno ha le proprie .
Ci sono persone che per loro un piatto di pasta corrisponde a 50gr ed altre
Non facciamo riferimenti a nessuno ne ha me , che invece  il piatto di pasta corrisponde a piu’ di 100 gr )
Gr  300 di spinaci freschi
 mi raccomando quelli surgelati non hanno la stesso sapore
100gr di ricotta fresca
Io almeno ho avuto la fortuna di vederla fare
Guardate un po’ qua







3 cucchiai di grana
1 spicchio d’aglio
Un pizzico di pepe
100gr pancetta affumicata
Procedimento

Per prima cosa puliamo bene gli spinaci
 devono essere lavati attentamente
Mettiamoli in una padella a cui avremmo aggiunto un po’ d’acqua e un pizzico di sale
Diciamo un dito, mettiamo il coperchio e
Lasciamo cuocere gli spinaci ci vorrà all’incirca 3 minuti
Quando sono pronti  scoliamoli e strizziamoli
Passiamoli   per 2 minuti in una padella con un filo d’olio a cui avrete aggiunto uno spicchio di aglio
 affinché si insaporiscono
Togliete l’aglio e lasciamoli intiepidire dopo di chè
  Trasferiamoli nel mixer .aggiungiamo la ricotta ,,il grana il pizzico di pepe un filo d’olio
 Frulliamo  bene il tutto fino a ottenere una deliziosa cremina

A parte in un padellino fate rosolare  senza olio la pancetta affumicata
Cuocetela fino a quando diventa dorata
aggiungete la cremina di spinaci
Appena la pasta si cuoce
Scolatela al dente  (tenendo da parte 2 mestoli di acqua di cottura ) e versateci  il condimento
Mescolate e aggiungete l'acqua di cottura che avevate tenuto da parte
 un’altra bella spolverata di grana e pepe 
impiattate
Ed è una vera goduria





martedì 25 gennaio 2011

Tuiles al rum e nocciole

le tuiles non sono altro che semplici cialdine
usate per accompagnare dolci al cucchiaio
questa ricetta è favolosa le cialdine vengono fragranti
profumate e deliziose
fatele ve lo consiglio sono ottime
abbinate alle varie creme
( confesso le cialde sarebbero venute molte di piu'
se non avessi "spiluccato "di tanto in tanto l'impasto)

ingredienti
60 gr di nocciole tostate
100 gr di zucchero
60 gr di burro morbido
5 cucchiaini di cacao amaro
3 cucchiai di latte
2 cucchiai di panna in polvere (dolceneve )
2 cucchiai di rum
2 albumi (con i tuorli fate la crema
 la ricetta della crema è QUI  basta solo che come aroma usate il rum in fialetta )
45 gr di farina 00

procediamo
Passate nel mixer le nocciole insieme alla zucchero
ecco cosa dovreste ottenere


lavorate a crema il burro e aggiungete le nocciole tritate con lo zucchero
lavorate il composto e versateci il rum , il latte , la panna in polvere
il cacao.Sbattete leggermente gli albumi e incorporateli al composto
amalgamate formando una crema
aggiungete la farina setacciata e mescolate




stendete il composto  acucchiaiate in una teglia foderata con carta forno
e livellate con il dorso di un cucchiaio


infornate per 4/5 minuti a 200°
controllate sempre per non far bruciare le cialdine
appena sfornate potete mettere qualcuna nel mattarello per darle la forma di tegoline


oppure lasciarle raffreddare e poi intingerle nella crema
(ecco la mia coppetta di crema aromatizzata al rum con la tuiles)
una vera bontà
provate gente provate


sabato 22 gennaio 2011

Pasta con ragu' di verdure

Oggi si svuota il frigo
Tutto quello che rimane  viene " assemblato " E poi mangiato
per 3/4 persone
 (dipende dalla fame che si ha .... )
Allora  ho alcune melanzane  2 piccole Delle carote  2
2  zucchine    e 3 pomodori
Benissimo oggi si cucina  ...La pasta con ragù di verdure
Tagliamo le melanzane e le zucchine  a quadretti piccoli
 le carote a rondelle
Affettiamo le cipolle
In una padella mettiamo a rosolare uno spicchio d’aglio
 Aggiungiamo  le melanzane e saliamo


Mescoliamo  e copriamo con un coperchio
Cuocete per circa 6/7  minuti
Quando sono cotte  togliamole
 aggiungiamo  nella stessa padella un po’ d’olio  e facciamo saltare le carote
 Cuocete per  circa 3minuti   e poi aggiungete   
le zucchine  e  dopo3/4 minuti le cipollette, abbassate la fiamma incoperchiate
e appena le verdure sono quasi cotte aggiungete i pomodori e salate


appena sono pronte uniamoci anche le melanzane un pizzico di pepe
Alzate la fiamma e sfumate con mezzo bicchiere di  vino bianco  Mescolate 
 e dopo qualche minuto il ragu’ è pronto


Nel frattempo  lessate la pasta che deve cuocere al dente mi raccomando
quando la pasta è cotta versateci  il ragu’ mescolate per amalgamare tutti gli ingredienti
 e mettete una aprte di pasta  In una teglia imburrata  e con un po’ di pangrattato spolverizzato sopra
( io ho usato la tortiera )











   dopo di che passatele nel grill del forno fino a che si formi una crosticina di sopra
Slurp  slurp




Fate un primo strato e grattugiateci con la grattugia a fori larghi
L’emmental  ,coprite con la pasta rimanente e solverizzate con il parmigiano
E poi con il pangrattato  ( io ho usato le fette biscottate messe nel mixer )
In forno per circa 15 min. 

giovedì 20 gennaio 2011

Miss marmalade

Io amo il contrasto vi faccio un esempio
Di regola  ai dolci e dessert viene abbinato quasi sempre un vino liquoroso
Dolce  o anche frizzante ma che abbia un gusto dolciastro
A me questo non piace
Preferisco  abbinare a  una qualsiasi preparazione dolce
 vini o spumanti che abbiano un sapore fruttato  e acidulo  
(Vi ho fatto un esempio  “IN” adesso un altro esempio “ OUT”)
Oppure  con il classico cappuccino   ..un bel panino con la mortadella
( lo so state pensando  “ cheeeeeeeeeeeee”)
Questo per dirvi che la marmellata che vi propongo non è la classica
marmellata dolce da fetta biscottata
Ma io la uso per abbinarla ai  formaggi  dolci tipo caciotte  o scamorza
(A ME  ME  PIACE )
Il sapore infatti della marmellata  è amarognolo
Ma mantiene il gusto persistente degli agrumi
Se volete una marmellata più dolce basta mettere
meno scorzette di arancia ed aumentare almeno di ¾
La dose di zucchero

per circa 2 vasetti

Ci occorrono 1kg di arance ( BIOLOGICHE )
400GR  di zucchero
Procediamo
Togliete  con un coltellino la scorza delle arance
Cercando di prendere solo la parte arancione
E tagliatela a filetti piccoli
Metteteli in un pentolino e cuocete per circa 10 minuti



Sbucciate le arance  ( dovrebbero avere un peso di circa 850/900gr)
 e mettetele in una pentola dai bordi alti
Aggiungete lo zucchero  , le scorzette  strizzate
E cuocete a fuoco basso per circa 1 ora e mezza
Mescolando spesso
o almeno fino a quando  la marmellata si addenserà

Lavate i vasetti con acqua bollente e asciugateli
Riempiteli fino a 1 cm dal bordo
Chiudeteli  e metteteli capovolti  fino a che si raffreddino




mercoledì 19 gennaio 2011

"u pani ccu l'ugghiu e i scacciati"

Mia mamma è un'ottima cuoca
adesso che è in pensione si diletta a preparare tante buone cose
qualche anno fa si fece costruire nella casa di campagna un forno a pietra
da allora sforna pane ,pizza , focacce e tante altre cose .
Oggi è stato un giorno di quelli
 nel menu' abbiamo il pane di casa fatto con il lievito madre ( a lavatina ) che si rinnova sempre
condito con il "capuliatu " olio pepe e sale


 si continua con la schiacciata
farcita con tonno cipolla e parmigiano




per passare alla schiacciata
con la nduja e caciotta



  e finiamo con un ripieno di spinaci e mozzarella



mancano all'appello le "fuate "
e va bè sarà per la prossima volta
oggi ci accontentiamo di queste
ehehehehe


martedì 18 gennaio 2011

Ghirlandine di cioccolato

Dovrebbero introdurre la cucina come metodo
per alleviare la depressione
Vi è mai capitato di essere un po' giu'
e cucinando la voglia di sorridere torna??
A me si' ,oggi è stata una giornata di quelle che appena
sveglia sai gia' che avrai i nervi a fior di pelle
e che non te ne andrà una giusta.
(tutto avverato )
Mi sono trascinata in uno stato di torpore
apatico fino a pomeriggio inoltrato
e dunque le soluzioni erano due
o avrei concluso la mia giornata in questo modo
oppure  avrei fatto qualcosa che mi facesse riprendere
dallo stato apatico - rabbioso in cui mi trovavo
A casa non avevo quasi nulla ma  volevo preparare un dolce
E allora con due semplici ingredienti ho preparato dei cioccolatini
 chiamiamoli ciocco-ghirlandine


allora la preparazione è molto semplice
vi occorrono soltanto 200gr di cioccolata al latte
e 100gr di burro di arachidi

preparazione
 riducete a scaglie il cioccolato
mettetelo in una terrina e fatelo sciogliere a bagnomaria
appena sciolto incorporateci il burro di arachidi
e amalgamate bene


mettete la terrina in una bacinella di acqua fredda e mescolate
fino a che in composto non diventa denso adatto
 ad essere  spremuto con la sacca da pasticcere
Versate  il tutto in una sacca  con beccuccio a stella
Prendete un vassoio e ricopritelo con carta forno
Formate delle ghirlandine

E se volete anche dei piccoli cioccolatini versando il composto nei pirottini di carta



Fate raffreddare  e bon appetit






domenica 16 gennaio 2011

TORTA GOLOSACCIA

Risplende il sole stamattina ( ve lo dico sempre che in Sicilia il sole non manca mai )
È  domenica  di conseguenza per finire il pranzo domenicale
Non c’è niente di meglio che una buona torta al CIOCCOLATO
Io amo questo nettare degli  dei soprattutto il cioccolato fondente
A volte penso di avere una dipendenza  cronica.
Sono sempre a dieta  ( ma a chi la racconto !!!!!!!!) ma è domenica e quindi il dolce va bene
(anche di lunedi’, martedi’ ,mercoledi’  …….)

provatela è una torta spettacolare
un tripudio di sapori e profumi

Gli ingredienti sono :
100 gr di cioccolato fondente
150 gr di burro
200 gr di zucchero di canna
2 uova
Una tazzina di caffè
250 gr di farina
Lievito 1 bustina
Acqua  calda 100 ml
Special guest   Pepe Zenzero Cannella
Procediamo
Fate sciogliere in un pentolino a fuoco basso
Il cioccolato con il burro
Nel frattempo montate le uova con lo zucchero , l’acqua calda
  E  il caffè  (Deve risultare molto spumoso)



Dopo aver montato per bene incorporate la farina con il lievito
Setacciati mescolando con un cucchiaio di legno
Dal basso verso l’alto
Dopo  aver mescolato  aggiungete il cioccolato fuso ormai intiepidito
A filo mescolando sempre


Trasferite il composto in una teglia imburrata ed infarinata
O come ho fatto io in 2 piccole teglie
Alla prima pero’ ho aggiunto le spezie

Le dosi sono a piacimento io amo le spezie e quindi ne ho messe un bel po’ di pizzichi

La cottura di queste tortine dipende sempre da tipo di forno che avete
Io ho il forno a gas ( si lo so’ ve lo ripeto sempre )
e quindi le ho infornate a forno gia’ caldo per circa 35 min. ad una temperatura di 170 °




alla torta speziata ho aggiunto solo una spolverata di zucchero a velo
(volevo gustarla senza creme per assaporare  le note inebrianti delle spezie )




All’altra torta invece l’ho arricchita con una delicata crema al cointreau
La ricetta della crema la trovate QUI   dovrete solo aggiungere a fine cottura  mezza tazzina di cointreau
Per la bagna sciogliete 2 cuchiaini di  zucchero in mezzo bicchiere d'acqua
con il succo di mezza arancia
(se fate un'unica torta le dosi per la crema vanno bene
Se fate come me invece dovrete dimezzare le dosi  )
( altro consiglio per evitare che la crema raffreddandosi formi la” pellicina “
Metteteci sopra  della pellicola , se la crema vi riesce con i grumi potete frullarla per eliminarli )


Buonissime ve le consiglio provatele tutte e due
 sono letteralmente sparite subito  dal piatto





venerdì 14 gennaio 2011

Polpettine " leggiadre "

Rimanendo in tema di dieta (ahahahahah)
Ho voluto provare a fare queste polpettine cucinate nel forno
Direi che sono ottime come secondo piatto ,
 ma fatte piu’ piccole possono essere  servite come aperitivo 
il gusto è  molto buono una tiral’altra
provare per credere


ingredienti PER 4 PERSONE
2 patate (300 gr circa )
Funghi  250gr
1 cipolla
100gr mollica di pane
( o pane a cassetta )
100 ml di latte
2 uova
Parmigiano ( o grana o come preferite ) 40 gr
Prezzemolo
Pangrattato
Olio
Pepe sale
Curry

Iniziamo la preparazione
Sbriciolate la mollica di pane , mettetela in una ciotola
E bagnatela con il latte
Lasciatela in ammollo per circa 20 minuti
Lavate le patate e mettetele in una pentola con acqua fredda
Portate a bollore  e cuocete per circa 30 minuti
Appena le patate sono cotte sbucciatele e schiacciatele con una forchetta
Fino a ridurle in purea.Pulite i funghi
( bisognerebbe raschiarli con un coltellino
Ma io  essendo pigra li lavo direttamente E poi li tampono   )
In una padella mettete la cipolla tritata ,un filo d’olio
 rosolate a fuoco basso appena la cipolla inizia ad appassire
Unite i funghi che avrete precedentemente  tritato
In maniera molto grossolana  e regolate di sale
Cuocete per 10 minuti circa
A fine cottura aggiungete il curry
In una ciotola metteteci le patate schiacciate  aggiungete un pizzico di sale
Il pane  ben strizzato dal latte , i funghi , le uova il parmigiano
Sale e pepe
Lavorate il composto con un cucchiaio di legno per
Amalgamare perfettamente tutti gli ingredienti
( l’impasto deve essere piuttosto sodo
Se occorre aggiungete il grana o il pangrattato  )
Versate in un piatto piano il pangrattato
Formate con il composto delle palline modellandole con le mani inumidite
E passatele nel pangrattato
Accendete il forno
Prendete una teglia e foderatela con carta forno
Poneteci le polpettine e cuocete fino a quando non  diventono dorate

leggere ma con gusto evvaiiiiii!!!!!!!

mercoledì 12 gennaio 2011

La pasta “intaganata”

Vi chiederete che cavolo sta dicendo
O meglio che vuol dire intaganata ?
Allora è un termine prettamente siculo  e dalle mie parti significa
Una pasta e nello specifico si tratta di pasta con il cavolfiore
messa nel tegame amalgamata con del formaggio
è molto saporita  da leccarsi i baffi

Ingredienti per 4 persone:
1 cavolfiore piccolo
1 cipolla
1 spicchio d’aglio
Scamorza o caciotta
O quello che preferite come formaggio a pasta molle
( va bene anche il formaggio a fette)
Sale epepe

Eliminate il torsolo e le foglie del cavolfiore lavatelo sotto l’acqua fredda
E  dividetelo in cimette
In una pentola (che poi useremo per cuocere la pasta )
Portare a bollore  l’acqua
Aggiungete un cucchiaino di sale appena raggiunge il bollore
Metteteci il cavolfiore e  fate cuocere
Ma attenzione il cavolfiore non deve risultare troppo cotto
Altrimenti si sfalda
Scolatelo  e mettetelo da parte
In una padella capiente mettete un filo d’olio e la cipolla tritata
 fatela  rosolare e aggiungete il cavolfiore salate e
fate cuocere il tutto
nel frattempo nella stessa pentola  in cui avete lessato  il cavolfiore
aggiungete ancora dell’acqua e portate a ebollizione
appena bolle  salate e aggiungete la pasta
fate cuocere  e  appena la pasta è al dente
trasferitela  nella padella  con il condimento

aggiungete un mestolo di acqua di cottura  e amalgamate con il formaggio
 mescolate anzi  “intaganate” il tutto un pizzico di pepe se vi và
ed ecco il risultato


                                                                  Bon Appètit

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget