sabato 26 marzo 2011

polpettine sfiziose

a pranzo ho preparato queste polpettine o
crocchette di patate
con un cuore di radicchio
e prosciutto

1 kg e mezzo di patate
1/2 cespo di radicchio
2 cipollotti
1pizz. Di curry
Sale
Pepe
Prosciutto tagliato a dadini
Caciotta e Emmental
2 uova
Pangrattato

lessate le patate in acqua
e quando sono cotte schiacciatele
mescolate aggiungendo un uovo
sale una manciata di parmigiano
pepe
e mescolate bene

nel frattempo fate appassire in una padella con un filo d'olio
il radicchio con un cipollotto tagliato a rondelle

fate rosolare il radicchio
e quando è cotto toglietelo e tenetelo da parte
aggiungete l'emmental tagliata a cubetti


 fate rosolare nella padella anche il prosciutto a cubetti con l'altro cipollotto
aggiungendo sempre un filo d'olio

cuocete per qualche minuto e mettete da parte aggiungendo al
prosciutto la caciotta a cubetti

formate con l'impasto di patate delle palline
nel centro
aggiungerete il composto  di radicchio
e di prosciutto




appena fatte passate le polpettine nell'uovo sbattuto
e poi nel pangrattato
 e friggetele nell'olio

 ecco le polpettine ripiene di radicchio

  e queste sono ripiene con il prosciutto

SE BON .........

mercoledì 23 marzo 2011

paniniamoci

torniamo a noi
ricettina semplice ma gustosa
panini all'olio sicuramente li conoscerete benissimo
ma volevo "offrirveli" ugualmente


ho dato un'occhiata alle varie ricette che ho trovato
su internet e  quelle che ho visto
prevedono un mix tra la farina 0 e quella 00
alla fine ho deciso di preparare questi panini
usando solo con la manitoba
e direi che ho fatto bene
i panini oltre ad essere morbidissimi
sono buoni e soffici

ingredienti
500gr farina manitoba
1 bustina di lievito secco
2 cuchiaini di zucchero (per la lievitazione)
1 cucchiaino si sale
100ml di olio d’oliva
250ml di acqua
Lavorate gli ingredienti per non meno di 10 minuti

Fino a quando si formerà una palla soda


Fate lievitare in un luogo al caldo per circa 1ora
O fino a quando l’impasto non sara’ raddoppiato

A questo puntolavorate di nuovo la pasta per pochi minuti
Formate delle palline e rimettete il tutto a lievitare per cira 1 ora

Infornate 180° per  circa 15 minuti
su alcuni panini ho aggiunto come potete vedere dalla foto
il pomodoro secco
sublimiiiiiii

molto soffici


ditemi se volete come li preparate voi

buona giornata a chi passa da qui

sabato 19 marzo 2011

oggi avevo preparato una ricetta per voi , ma non riesco a postarla
quello che sta' succedendo mi sconvolge 
 
 
 
Attacco francese, si combatte a Bengasi e Misurata. Ormai è guerra senza quartiere
Una colonna di carri armati, per iniziare. Questo il primo obiettivo colpito dai caccia bombardieri francesi, che sono arrivati sulla Libia qualche minuto dopo la fine della riunione a Parigi tra la nuova coalizione dei volenterosi. Poi la pioggia di razzi su Tripoli, sparati dalle navi della marina Usa.
A Bengasi si combatte con le truppe lealiste in città, almeno trenta morti. Civili in fuga verso l'Egitto. Almeno questo dice al-Jazeera, alla quale andrà dedicata un'analisi a parte, alla fine di questa rivoluzione nel mondo arabo. Al-Jazeera dice, tutti riprendono. Il caccia abbattuto sui cieli di Bengasi, in poche ore, è diventato un velivolo mal manovrato dai ribelli e non un caccia di Gheddafi. Per ore, però, tutti l'hanno raccontata così. Al-Jazeera dice, tutti ripetono. L'Europa si lancia in guerra, come avviene sempre più spesso dopo la caduta del muro di Berlino.
No fly zone, si dice. Quindi rendere inefficaci i caccia bombardieri libici, ma anche - come visto - colpire i mezzi a terra. E quindi rendere inoffensivi anche eventualmente le strutture militari di Gheddafi, che in parole povere significa bombardare Tripoli. Dopo? Nessuno lo dice, tutti spergiurano che mai si entrerà via terra, mentre Gheddafi prende sempre più la cera di un grottesco Nerone e minaccia tutti.
Questa giornata di guerra ci restituisce un protagonista, anzi due. Il presidente Nicholas Sarkozy e la repubblica francese. Dopo la vergogna di aver offerto, ancora a poche ore prima che Ben Alì scappasse all'estero, le loro truppe speciali per sedare la rivolta. Anche trecento tunisini erano stati massacrati, ma l'Eliseo pensava a tener salda una dittatura amica. Con Gheddafi no, bisognava rilanciare l'immagine di Parigi e di Sarkozy. Nell'imbarazzo cronico degli italiani, che potrebbero trovarsi bersaglio di armi che loro stessi hanno regalato a Gheddafi neanche un paio di anni fa.

Sarà ancora una volta una scelta selettiva, che nessuno sentirà il bisogno si spiegare. Perché, a Manama, in Bahrein, le truppe saudite marciano per tenere saldo il trono di un emiro che massacra gli sciiti? perché a Sana'a, in Yemen, nessuno ritiene di dover fermare il presidente Saleh che manda i corpi speciali contro gli studenti? Troppe domande, non si sentono risposte, mentre Sarkozy fissa la camera con il suo stile aggressivo e chiede a francesi e cittadini di tutto il mondo come potrebbe l'Europa girarsi dall'altra parte?
Bengasi terrà, a questo punto. La guerra diventerà uno stillicidio, se non ci sarà una nuova risoluzione per truppe di terra. La cosa si complica enormemente. Una situazione imbarazzante, ottenuta ad hoc però. Lasciando che Gheddafi riconquistasse campo, città dopo città. In modo che l'aspetto emotivo fosse troppo forte e non puzzasse di Iraq e di petrolio.
Adesso comincia la terza fase di questa crisi. Prima la rivolta, senza un sostegno evidente. Poi la riscossa di Gheddafi, senza un sostegno ai ribelli, né evidente né nascosta. Adesso 'arrivano i nostri', dopo un mese di attesa e dopo sette anni - dal 2003 - di criminale complicità con Gheddafi. E domani si sentirà chiedere: "Cosa diranno i pacifisti?", come se la colpa fosse degli unici che dal 2003 - e da sempre - denunciavano i crimini di Gheddafi e di coloro, anche più colpevoli di lui, che lo trattavano da statista.

lasciate un pensiero se volete                           

mercoledì 16 marzo 2011

mi sono mangiata il tricolore......



ecco il mio  primo in onore della nostra Italia
una ciambella di riso a strati
il primo è riso con una vellutata di piselli con pepe bianco
il secondo è riso mantecato alla cipolla
l'ultimo strato è  il riso con  passata di pomodoro arricchita di curry
la ricetta la mettero' piu' in là altrimenti non ne usciamo piu' con tutte queste immagini
buon appetito carissimi.....

o uno non  uno non deve mettere i fiorellini alla finestra della cella della quale è prigioniero
perché sennò anche se un giorno la porta sarà aperta
lui non vorrà uscire
(tratto da "il discorso tipico dello schiavo di Silvano Agosti )

 
Non lasciamo che ci tolgano
i nostri diritti



la dignità umana
la libertà di scelta

e la c e la il senso di appartenenza ad un Paese
che racchiude la bellezza
l'arte la cultura
e soprattutto la volontà di andare avanti
usando la testa.....



(((tutte le foto tramnne la prima  sono state prese da google immagini)

lunedì 14 marzo 2011

IN-FAGOTTIAMOCI

oggi carne
questo piatto arriva direttamente da un mio amico
 che si diletta a cucinare e sperimentare ricette sempre  molto particolari
 questi fagottini di carne sono sublimi


  • Carne - una bella fetta abbastanza larga;

  • asparagi, io ho usato quelli congelati purtroppo;

  • cipollette (o cipolla);

  • prosciutto cotto;

  • scamorza affumicata;

  • granella di pistacchio;

  • pane grattuggiato;

  • pepe nero

  • pepe bianco;

  • erba cipollina;

  • bacche rosa;

  • sale;

  • olio extravergine di olive vere;

  • vino bianco.


  • Ridurre tutto in pezzetti come nella foto e mischiare bene, comprese le spezie (le bacche rosa è meglio pestarle prima), ma senza salare. Impanare e salare la fettina da entrambi i lati, sistemare quindi nel centro la quantità necessaria di condimento


    Chiudere a fagotto e fermare con un paio di stuzzicadenti.

    Per la cottura ho usato un tegame in coccio, adagiando i fagotti su un letto di pangrattato e vino bianco (non esagerare col vino).


    ottimi molto gustosi
    grande Fulvio
    i tuoi fagottini sono unici ....
    alla prosssima ricetta ....




    domenica 6 marzo 2011

    trasformiamoci per carnevale

    ecco a voi  i dolci che
    si sono travestiti con colori vivaci
    per celebrare la festa del carnevale
    (domanda: ma per carnevale la maschera la mettiamo o la togliamo!!!!!)
    vai con la sfilataaaaa!!!!!

    deliziosa torta con glassa al cioccolato fondente
    arricchita di deliziose "ghiri-gori "sempre di glassa colorata

    passiamo adesso a questi meravigliosi
    biscottini di pastafrolla
    che fanno pan dan con la torta....
    meraviglioso accostamento



    continuiamo con le nostre uniche ed insuperabili
    chiacchiere arricchite per l'occasione solo di stelle filanti

    e finiamo con
    torta e biscotti
    insieme solo per voi.....


    BUON CARNEVALE
    Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
    Si è verificato un errore nel gadget